SE SEI UN PESCE NON PUOI SCALARE UNA MONTAGNA

Sempre più mi interesso e aiuto persone a comprendere come avvicinarsi veramente a se stesse.

Che tu sia un imprenditore, un impiegato, una casalinga, devi fare i conti con te, solo con te.

In una società in cui, i ruoli si sottomettono a richieste di mercato,  snaturando  l’essere, l’individuo perde di vista il suo centro per andare incontro alla richiesta dell’altro. Ognuno in esergo dà il meglio di sé, mentre all’atto pratico cerca di dare il meglio di ciò che vuole l’altro. Chi è l’altro? È un complesso di  invisibili richieste che si imprimono violentemente sulla pelle, a prova delle più sofisticate tecnologie di chirurgia estetica. Sei marchiato e non puoi fare nulla per ritornare alla tua verginità cutanea.

Davvero non puoi fare più nulla? Non è da me essere così pessimista, e in realtà, il mio lavoro con l’altro, mi dà prova che è possibile riconnettersi con la propria natura, vincendo ogni battaglia della vita!

“Se sei un pesce non sfidare una montagna”, cerca di diventare principe nelle avventure marine, lascia stare le cime innevate.

Il mio primo lavoro, come coach, è quello di portarti a comprendere che “se vuoi puoi”, ma in parallelo amo che tu possa comprendere chi sei. È partendo da chi sei, che puoi avanzare e sfidare ancora di più le tue capacità.

In questi giorni, ho parlato con troppi “pesciolini” che si sono uniti alle “caprette di montagna”.

Sfidati ogni giorno, cresci ogni giorno, ma rispetta chi tu sei.

Nel 1969, Georges Perec pubblico un racconto dal titolo “La disparition”. Che meravigliosa sfida, un romanzo di 300 pagine in cui non è mai presente la lettera “e”. Come non si può ammirare tale impresa? E il nostro traduttore Piero Falchetta, ripropose l’opera in italiano rispettando l’arduo compito.

Ti racconto questa storia, affinché tu possa sfidarti, ogni tanto, anche “uscendo dall’acqua”, ma è nell’accettazione della tua natura che compirai grandi imprese. Rispetta la legge della natura, insufflale dei tuoi sogni e aspirazioni, formati costantemente per essere il migliore in ciò che fai, e vivi la tua vita nel pieno dei tuoi valori.

“Il successo consiste nella capacità di creare a piacimento ciò di cui avete bisogno” P. Yogananda

Chiediti: “Di cosa ho bisogno?”, di cosa hai bisogno tu, non l’altro 🙂

Se ti è piaciuto l’articolo iscriviti alla news letter.

Che tu sia un imprenditore, un impiegato, o una casalinga, poniti questo quesito, rispondi con cura, e costruisci “palazzi” meravigliosi!

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × due =